Tag

, , ,

Finalmente anche a Bologna è arrivato l’autunno, mi dispiace per gli appassionati del sole ma le stagioni mancate non hanno nulla di sano per la terra e per l’andamento regolare della vita quotidiana.

Io adoro il passaggio da una stagione all’altra, un po’ come per i bambini, adoro tutti i riti legati alla natura e alle festività che scandiscono i ritmi dell’anno. Vivo sempre questi passaggi e queste attese con la fibrillazione di chi è convinto che sta per accadere qualcosa, il segreto è avere sempre qualcosa da aspettare.

I più energici tendono a lamentarsi delle giornate accorciate e del tempo sempre più chiuso in casa ma, anche il sonnacchioso autunno, ha in sé una importantissima linfa energetica necessaria per l’andamento regolare della vita: il silenzio.

In attesa che anche quest’anno arrivi la neve:

Passeggiata d’autunno avanzato di Hermann Hesse

Tra i rami aggrovigliati della nuda

selva, dall’aria grigia scende bianca

la prima neve, e cade, e cade.

Com’è ammutito il mondo! Non c’è foglia

che frusci, non uccello sulle rame,

soltanto bianco e grigio, e pace, pace.

Annunci